Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Trascrizione nascita di figlio minorenne

 

Trascrizione nascita di figlio minorenne

Trascrizione della nascita di un cittadino italiano, al momento ancora minorenne, avvenuta nella circoscrizione di questo Consolato Generale (Maine, Massachusetts, New Hampshire, Rhode Island e Vermont). 

I documenti necessari per registrare la nascita sono:

  • Atto di nascita (long form) emesso dall’Ufficio di Stato Civile competente;
  • Apostilla dal Secretary of State (allegata al certificato di nascita);
  • Traduzione dell'atto di nascita in italiano;
    • Se la traduzione e' redatta da un traduttore la sua firma dovra' essere notarizzata e apostillata;
    • I certificati di stato civile (nascita, matrimonio, unione civile, decessi) possono essere tradotti dagli interessati, se in grado di rispettare gli standard richiesti*. Coloro che non si sentono in grado possono ricorrere ad un traduttore professionista.
  • Modulo di richiesta di trascrizione della nascita firmato e compilato correttamente.
  • Se i genitori non sono sposati o non lo erano all’epoca della nascita, alla documentazione è necessario aggiungere i seguenti documenti:
    - Riconoscimento di paternità legalizzato con Apostille (si tratta di un documento conosciuto negli USA come “Acknowledgment of Paternity” o anche come “Certificate of Parentage”. Viene solitamente compilato e firmato nella struttura ospedaliera dai genitori non sposati e viene poi registrato assieme alla nascita. È quindi reperibile presso gli stessi uffici dove si ritirano i certificati di nascita).

Tutta la documentazione dovra' essere inviata via posta a:

Consolato Generale d'Italia
Ufficio Stato Civile
600 Atlantic Avenue 17th floor
Boston, MA 02210-2206

Si prega di specificare un numero di telefono

In alternativa si potrà presentare l’atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza (vedi art. 12, comma 11, DPR 396/2000).

Gli atti rilasciati dai Paesi che hanno aderito alla Convenzione di Vienna dell’8 settembre 1976, che prevede il rilascio di un modulo plurilingue, sono esenti da legalizzazione e da traduzione. Tali Paesi sono: Austria, Belgio, Bosnia e Erzegovina, Croazia, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Macedonia, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Serbia, Slovenia, Spagna, Turchia e Svizzera.

* La traduzione deve essere:

  • eseguita direttamente dalla lingua in cui è scritto il documento originale all’italiano.
  • completa: deve contenere tutto il testo presente sul documento originale, senza omissioni, con date inserite in modalità “italiana” (giorno/mese/anno).
  • conforme: non sono ammessi sunti o interpretazioni.
  • dattiloscritta: non sono accettate traduzioni scritte a mano.

Non è però necessario:

  • Tradurre l’Apostille o le altre legalizzazioni (deve essere tradotto solo il certificato).
  • Riprodurre fedelmente l’aspetto estetico del certificato originale (timbri, riquadri)


235